Spedizione in Italia sempre gratuita
  • Acquista
  • Vendi
  • Blog
  • About Thefinitive
  • Articoli Venduti

‚ĚĆūüôĀPortamatita ARGENTO Fascio Littorio – originale ’30

1,00

Portamatita in argento, a forma di Fascio Littorio. Al tappo di chiusura si incastrava una di quelle matite piatte, per comodit√† d’uso da stare in un taschino.

Misure approssimative del portamatite mm.80 x 10. In ottime condizioni.

(Scorri la pagina in basso per ulteriori dettagli e informazioni)

 

 

Esaurito

Garanzia di un pagamento sicuro

Descrizione

Portamatita in argento, a forma di Fascio Littorio, con impresso a rilievo la sagoma delle fascine tenute insieme da una cinta, ed in cima la scure con la testa di leone ruggente. Il portamatite si apre, ed all’interno, incastrata quindi assicurata al tappo, trovava alloggio una di quelle matite piatte che venivano magari preferite per la semplicit√† d’uso e praticit√† alle penne stilografiche. Questo modello di portamatita in argento, raffigurando un fascio littorio, era sicuramente usato da personale del Partito Fascista, da gerarchi, da membri delle associazioni, corporazioni, che dipendevano dal PNF

Assolutamente perfetto, insieme al portasigarette con fascio littorio in argento che trovate in vendita sul sito, questo portamatita era appartenuto ad un gerarca fascista, il Console Baldi. Anche se l’oggetto richiama ad un uso piuttosto comune e popolare, il fatto che abbia le fattezze del fascio littorio ne giustifica in qualche modo la provenienza.

Originale, del periodo 1927-1931 (anno in cui il Console Baldi si toglie la vita)

 

MATERIALE     :  metallo argentato

MISURE             :  mm. 80 x 10

MARCHIO¬† ¬† ¬† ¬† ¬†:¬† –

 

NOTIZIE

Fasci italiani di combattimento¬†√® il nome del¬†movimento politico¬†fondato a¬†Milano¬†da¬†Benito Mussolini¬†il 23 marzo 1919, erede diretto del¬†Fascio d’azione rivoluzionaria¬†del 1915. Il 9 novembre 1921 si trasform√≤ in¬†Partito Nazionale Fascista.

Il “programma di San Sepolcro”

Il 23 marzo 1919 nella sala riunioni Circolo dell’alleanza industriale, in piazza San Sepolcro¬†a¬†Milano, furono ufficialmente fondati i Fasci italiani di combattimento. Tra i fondatori ¬†troviamo persone di diversa estrazione sociale ed orientamento politico a riflesso di un certo eclettismo ideologico di questa fase originaria; tra i primi aderenti ci furono anche cinque ebrei.

Benito Mussolini¬†prevedeva l’attuazione di uno specifico¬†Programma di San Sepolcro¬†(dal nome della piazza in cui fu proclamato). I primi appartenenti ai Fasci si chiamarono appunto sansepolcristi, fregiati di una fascia giallorossa (i colori di¬†Roma). Gli squadristi semplici invece erano riconoscibili da una striscia rossa al polso della camicia nera.

Il¬†Manifesto dei Fasci italiani di combattimento, alla cui stesura aveva collaborato attivamente¬†Alceste De Ambris, fu ufficialmente pubblicato su¬†Il Popolo d’Italia¬†il 6 giugno 1919. Nel manifesto vengono avanzate numerose proposte di riforma politica e sociale per far ¬ęfronte contro due pericoli: quello misoneista di destra e quello distruttivo di sinistra¬Ľ, rappresentando la¬†terza via¬†tra i due opposti poli e sviluppandosi nell’ambito delle teorie moderniste sull’uomo nuovo. Solo parte di queste vennero realizzate durante il periodo del¬†regime fascista¬†(1922‚Äď1943). Pur riprese successivamente durante la¬†Repubblica Sociale Italiana¬†come la¬†socializzazione delle imprese e dei mezzi di produzione, rimasero sostanzialmente inapplicate a causa degli eventi bellici.

Console BALDI Francesco

Classe 1883,¬†combattente coraggioso e nominato Capitano per meriti di guerra durante il conflitto, aderisce al Fascio di Firenze nel novembre del 1920, legandosi da subito di buona amicizia con l‚Äôelemento spesso molto pi√Ļ giovane e irrequieto (Banchelli, Frullini, Dumini, Onori) di quel fascio gi√† ‚Äúvivace‚ÄĚ di suo.
Diventa, qualche mese dopo,¬†segretario del Fascio di Barberino del Mugello, dove, per√≤, gli avversari gli rendono subito la vita difficile. Isolato e malvisto, con la famiglia pi√Ļ volte minacciata di morte, si √® risolto, infine a chiedere l‚Äôaiuto dei camerati fiorentini, dopo che il 27 marzo del 1921 a seguito della fondazione del Fascio nel suo paese, i sovversivi lo hanno assediato in casa con i suoi familiari.
Con quei guasconi un po‚Äô maneschi delle squadre del capoluogo, egli si trover√† subito a suo agio, e sar√† in prima fila, guadagnandosi denunce per lesioni, violenza privata, mancato omicidio, etc, partecipe di un ‚Äúclima‚ÄĚ e di un modo di essere ‚Äďquello squadrista- destinati a segnare la sua vita futura.
Partecipa a numerose azioni squadriste, fino a guidare, in occasione della Marcia, la 3¬į Legione fiorentina, tra Spoleto e Foligno, per poi divenire Console della Milizia.

Nel contempo, essendo benestante di suo, spende circa 400.000 lire per la propaganda e l‚Äôattivit√† delle squadre, e altre 717.000 anticipa, nel 1925, per coprire i debiti di una Cooperativa ‚Äďil cui controllo era passato ai fascisti dopo il ‚Äô22- e¬†pagare gli stipendi agli operai, tra i quali, forse, ci sono anche alcuni dei suoi assalitori di quella sera del ‚Äô21.
Anticiper√† ancora 160.000 per ripianare i debiti della Centrale elettrica del ‚Äúsuo‚ÄĚ Mugello.
Danari dati e senza restituzione, (un conto finale valuter√† l‚Äôesborso complessivo in 1.277.000 lire), che pregiudicano gravemente la sua posizione finanziaria (ha anche cinque figli), fino a costringere la moglie ‚Äďprobabilmente senza che lui lo sappia- a rivolgersi direttamente a Mussolini per un aiuto che consenta ai ragazzi di proseguire negli studi.
Il 23 marzo del 1931 Baldi, ormai quasi sul lastrico, si suicida nel suo ufficio di Console Generale della Milizia.

(Fonte web Fascisti come tanti..)

 

Cliccando sul seguente link / foto avrete accesso ad una sezione di notizie storiche sul Partito Nazionale Fascista

Cliccando sul seguente link / foto avrete accesso ad una sezione di notizie storiche sullo squadrismo

 

 

Fonti varie Wikipedia , Fasci Italiani di Combattimento

1.21

Informazioni aggiuntive

Peso,5 kg
Dimensioni20 × 15 × 10 cm

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “‚ĚĆūüôĀPortamatita ARGENTO Fascio Littorio – originale ’30”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *