Spedizione in Italia sempre gratuita
  • Acquista
  • Vendi
  • Blog
  • About Thefinitive
  • Articoli Venduti

‚ĚĆūüôĀBerretto Capitano 1909 WW1 – appartenuto a Ugo Ojetti

1,00

Berretto da Capitano del Genio¬†del Regio Esercito , modello 1909 , in stoffa da combattimento, appartenuto ad Ugo Ojetti. Con attributi in filo mimetico in assoluta ottemperanza delle disposizioni emanate dallo Stato Maggiore per il periodo bellico, filo di lana nera per il fregio frontale, montato su sottopanno grigio verde dello stesso identico colore della stoffa del berretto, con galloni di grado in filo mimetico.¬† ( La circolare n.24727 dell‚Äô8 Dicembre 1915,¬† abolisce la colorazione scarlatta per la sottopannatura dei gradi di comando, ed ogni altro attributo che fosse realizzato in materiale riflettente tale da facilitare l‚Äôindividuazione del militare da parte del nemico. ) Manifattura LUIGI CHIUSSI & FIGLIO – Forniture Militari – Via Cavour 24 –¬†UDINE

In condizioni perfette, come ben evidenziato dalle foto.

 

(Scorri la pagina in basso per ulteriori dettagli e informazioni)

Esaurito

Garanzia di un pagamento sicuro

Descrizione

Berretto da Capitano del Genio Trasmissioni del Regio Esercito , modello 1909 (909) in stoffa da combattimento in uso durante il Primo Conflitto Mondiale WW1 , appartenuto ad Ugo Ojetti. In assoluta ottemperanza delle disposizioni emanate dallo Stato Maggiore per il periodo bellico, con i dettami della circolare n.24727 dell’8 Dicembre 1915, dove veniva abolita la colorazione scarlatta per la sottopannatura dei gradi di comando, ed ogni altro attributo che fosse realizzato in materiale riflettente tale da facilitare l’individuazione del militare da parte del nemico, questo berretto ha il fregio in filo di lana nera , montato su sottopanno grigio verde dello stesso identico colore della stoffa del berretto, ed i  galloni di grado realizzati in filo mimetico. Visiera in cuoio rigida , con soggolo in cuoio, fissato al tamburo del berretto con due bottoncini semisferici lisci, di metallo ossidato.

In condizioni perfette, come ben evidenziato dalle foto.

Manifattura LUIGI CHIUSSI & FIGLIO – Forniture Militari – Via Cavour 24 –¬†UDINE , altro tassello importante per testimoniare l’assoluta veridicit√† della appartenenza ad Ojetti, che serv√¨ la patria nei ranghi del Regio Esercito nella zona di Padova. Alluda in cuoio marrone, con evidenti segni di uso (non usura)¬† ma comunque molto fresca e morbida, in perfetto stato. Cuciture della fodera interna e del fregio, coeve al berretto, tutto nello stato originale di nascita del berretto stesso.

Questo berretto da Capitano modello 1909 , WW1, √® appartenuto realmente al capitano Ugo Ojetti, ne √® testimonianza il rinvenimento avvenuto nel 1972 presso un mercato di antiquariato a Firenze, ricordando che Ugo Ojetti mor√¨ a Fiesole, e molte delle sue cose vennero poi alienate dagli eredi, ivi compreso questo importante berretto. Conservato insieme ad altri preziosi oggetti, in una prestigiosa collezione, oggi viene proposto sul mercato collezionistico per poter far parte di una nuova e non meno prestigiosa raccolta. Non avremmo ragione di dare informazioni non vere, sull’appartenenza di un oggetto ad un personaggio piuttosto che ad un altro, la nostra seriet√† e professionalit√† ce lo vieta nella maniera pi√Ļ assoluta, e siamo pronti a rispondere di qualsiasi affermazione che sottoscriviamo con certificato di garanzia.

Ugo Ojetti nel periodo WW1 con indosso l’uniforme ed il berretto da capitano del genio modello 1909¬† che proponiamo in vendita

 

Altra foto di Ugo Ojetti con in testa il suo (questo) berretto da Capitano modello 1909 , WW1

 

MATERIALE       :  berretto in stoffa con visiera rigida

MISURE             :  taglia 58 circa

PRODUTTORE   :  Luigi Chiussi & Figlio РUdine

 

Ugo Ojetti partecipa come volontario alla prima guerra mondiale. All’inizio della guerra riceve l’incarico specifico di proteggere dai bombardamenti aerei le opere d’arte di Venezia. Nel marzo 1918 fu nominato “Regio Commissario per la propaganda sul nemico”. Fu incaricato di scrivere il testo del volantino, stampato in 350.000 copie in italiano e in tedesco, che fu lanciato il 9 agosto, dai cieli di Vienna¬†dalla squadriglia comandata da¬†Gabriele D’Annunzio.

Volantinodann.jpg
VIENNESI!

Imparate a conoscere gli italiani.
Noi voliamo su Vienna, potremmo lanciare bombe a tonnellate. Non vi lanciamo che un saluto a tre colori: i tre colori della libertà.
Noi italiani non facciamo la guerra ai bambini, ai vecchi, alle donne.
Noi facciamo la guerra al vostro governo nemico delle libert√† nazionali, al vostro cieco testardo crudele governo che non sa darvi n√© pace n√© pane, e vi nutre d’odio e d’illusioni.

VIENNESI!

Voi avete fama di essere intelligenti. Ma perch√© vi siete messi l’uniforme prussiana? Ormai, lo vedete, tutto il mondo s’√® volto contro di voi.
Volete continuare la guerra? Continuatela, √® il vostro suicidio. Che sperate? La vittoria decisiva promessavi dai generali prussiani? La loro vittoria decisiva √® come il pane dell’Ucraina: si muore aspettandola.

POPOLO DI VIENNA, pensa ai tuoi casi. Svegliati!

VIVA LA LIBERTÀ!

VIVA L’ITALIA!

VIVA L’INTESA!
Versione in tedesco:

 

WIENER!

Lernt die Italiener kennen.
Wenn wir wollten, wir könnten ganze Tonnen von Bomben auf eure Stadt hinabwerfen, aber wir senden euch nur einen Gruss der Trikolore, der Trikolore der Freiheit.
Wir Italiener f√ľhren den Krieg nicht mit den B√ľrgern, Kindern, Greisen und Frauen. Wir f√ľhren den Krieg mit eurer Regierung, dem Feinde der nationalen Freiheit, mit euren blinden, starrk√∂pfigen und grausamen Regierung, die euch weder Brot noch Frieden zu geben vermag und euch nur mit Hass und tr√ľgerischen Hoffnungen f√ľttert.

WIENER!

Man sagt von euch, dass ihr intelligent seid, jedoch seitdem ihr die preussische Uniform angezogen habt ihr seid auf das Niveau eines Berliner-Grobians herabgesunken, und die ganze Welt hat sich gegen euch gewandt.
Wollt ihr den Krieg fortf√ľhren? Tut es, wenn ihr Selbstmord begehen wollt. Was h√∂fft ihr? Den Entscheidungssieg, den euch die preussische Generale versprochen haben?
Ihr Entscheidungssieg ist wie das Brot aus der Ukraina: Man erwartet es und stirbt bevor es ankommt.

B√ľrger Wiens! Bedenkt was euch erwartet und erwacht!

HOCH LEBE DIE FREIHEIT!

HOCH LEBE ITALIEN!

HOCH LEBE DIE ENTENTE!

 

NOTIZIE

Ugo Ojetti¬†(Roma,¬†15 luglio¬†1871¬†‚ÄstFiesole,¬†1 gennaio¬†1946)¬†

Figlio della spoletina Veronica Carosi e del noto architetto¬†Raffaello Ojetti, personalit√† di vastissima cultura, consegue la laurea in¬†Giurisprudenza¬†e, insieme, esordisce come poeta (Paesaggi, 1892). √ą attratto dalla carriera diplomatica, ma si realizza professionalmente nel¬†giornalismo¬†politico. Nel¬†1894¬†stringe rapporti con il quotidiano nazionalista¬†La Tribuna, per il quale scrive i suoi primi servizi da inviato estero, dall’Egitto. Nel¬†1895¬†diventa immediatamente famoso con il suo primo libro,¬†Alla scoperta dei letterati, serie di ritratti di scrittori celebri dell’epoca redatti in forma di¬†interviste, genere all’epoca ancora in stato embrionale. Scritto con uno stile che si pone fra la critica ed il¬†reportage, il testo viene considerato, e come tale fa discutere, un momento di analisi profonda del movimento letterario dell’epoca. L’anno seguente Ojetti tiene a¬†Venezia¬†la conferenza ‚ÄúL’avvenire della letteratura in Italia‚ÄĚ, che suscita un vasto numero di commenti in tutto il Paese.

I suoi articoli diventano molto richiesti: scrive per¬†Il Marzocco¬†(1896-1899),¬†Il Giornale di Roma,¬†Fanfulla della domenica¬†e¬†La Stampa. La critica d’arte occupa la maggior parte della sua produzione. Nel¬†1898¬†inizia la collaborazione con il¬†Corriere della Sera, che si protrae fino alla morte. Tra il 1901 e il 1902 √® inviato a¬†Parigi¬†per il¬†Giornale d’Italia; dal 1904 al 1909 collabora a¬†L’Illustrazione Italiana: tiene una rubrica intitolata ‚ÄúAccanto alla vita‚ÄĚ, che poi rinomina ‚ÄúI capricci del conte Ottavio‚ÄĚ (“conte Ottavio” √® lo¬†pseudonimo¬†con cui firma i suoi pezzi sul settimanale).

Nel 1905¬†si sposa con Fernanda Gobba e prende domicilio a¬†Firenze; dal matrimonio tre anni dopo nasce la figlia¬†Paola. Dal¬†1914¬†abiter√† stabilmente nella vicina¬†Fiesole. Invece trova nella villa paterna di Santa Marinella (Roma), soprannominata ‚ÄúIl Dado‚ÄĚ, il luogo ideale in cui riposarsi, trascorrere le sue vacanze e scrivere le sue opere.

Partecipa come volontario alla¬†prima guerra mondiale. All’inizio della guerra riceve l’incarico specifico di proteggere dai bombardamenti aerei le opere d’arte di Venezia. Nel marzo¬†1918¬†fu nominato “Regio Commissario per la propaganda sul nemico”. Fu incaricato di scrivere il testo del volantino, stampato in 350.000 copie in italiano e in tedesco, che fu lanciato il 9 agosto,¬†dai cieli di Vienna¬†dalla squadriglia comandata da¬†Gabriele D’Annunzio.

Nel¬†1920¬†fonda la sua rivista d’arte,¬†Dedalo¬†(Milano, 1920-1933), dove si occupa di storia dell’arte antica e moderna. Dall’impostazione della rivista dimostra una sensibilit√† e un modo di accostarsi all’arte e di divulgarla diversi dai canoni del tempo. La rivista diventa subito occasione d’incontro tra critici, intellettuali, artisti come¬†Bernard Berenson,¬†Matteo Marangoni,¬†Pietro Jahier,¬†Antonio Maraini,¬†Ranuccio Bianchi Bandinelli,¬†Pietro Toesca,¬†Lionello Venturi¬†e¬†Roberto Longhi. L’idea di base della rivista √® che l’opera d’arte abbia valore di testimonianza visibile della storia e delle civilt√† pi√Ļ di ogni altra fonte.

Sul finire del decennio inaugura una nuova rivista, Pegaso (Firenze, 1929-1933). Infine, lancia la rivista letteraria Pan, fondata sulle ceneri della precedente esperienza fiorentina. Tra il 1925 e il 1926 collabora anche a La Fiera Letteraria. Tra il 1926 ed il 1927 è direttore del Corriere della Sera.

√ą tra i firmatari del¬†Manifesto degli intellettuali fascisti¬†nel¬†1925¬†ed √® nominato¬†Accademico d’Italia¬†nel¬†1930. Fa parte fino al¬†1933¬†del consiglio d’amministrazione dell’Enciclopedia Italiana. Ojetti organizza numerose mostre d’arte e d√† vita ad importanti iniziative editoriali, come¬†Le pi√Ļ belle pagine degli scrittori italiani scelte da scrittori viventi¬†per l’editrice Treves¬†e¬†I Classici italiani¬†per la¬†Rizzoli. Sul significato dell’architettura nelle arti ebbe a dire:

¬ęl’architettura √® nata per essere fondamento, guida, giustificazione e controllo, ideale e pratico, d’ogni altra arte figurativa¬Ľ

Collabor√≤ anche con il cinema: nel 1939 firm√≤ l’adattamento per la prima edizione sonora de¬†I promessi sposi, che costitu√¨ la base della sceneggiatura per il¬†film del 1941¬†di¬†Mario Camerini.

Ader√¨ alla¬†Repubblica Sociale Italiana; dopo la¬†liberazione di Roma, nel¬†1944, fu radiato dall’Ordine dei giornalisti. Pass√≤ gli ultimi anni nella sua¬†villa Il Salviatino, a Fiesole, dove mor√¨ nel 1946.

Antonio Gramsci¬†scrisse che ¬ę¬†la codardia intellettuale dell’uomo supera ogni misura normale¬†¬Ľ[5].¬†Indro Montanelli¬†lo ricord√≤ sul¬†Corriere della Sera: ¬ę¬†√ą un dimenticato, Ojetti, come in questo Paese lo sono quasi tutti coloro che valgono. Se io dirigessi una scuola di giornalismo, renderei obbligatori per i miei allievi i testi di tre Maestri:¬†Barzini, per il grande reportage;¬†Mussolini¬†(non trasalire!), quello dell’Avanti!¬†e del primo¬†Popolo d’Italia, per l’editoriale politico; e Ojetti, per il ritratto e l’articolo di arte e di cultura¬†¬Ľ

 

Fonti Wikipedia

 

4.20

Informazioni aggiuntive

Peso1 kg
Dimensioni35 × 35 × 35 cm

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “‚ĚĆūüôĀBerretto Capitano 1909 WW1 – appartenuto a Ugo Ojetti”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *