Spedizione in Italia sempre gratuita
  • Acquista
  • Vendi
  • Blog
  • About Thefinitive
  • Articoli Venduti

‚ĚĆūüôĀRegia Corvetta GAZZELLA distintivo Regia Marina

1,00

Distintivo della REGIA CORVETTA GAZZELLA” , classe GABBIANO, serie ANTILOPE.

In metallo dorato, con smalti policromi, completo di spilla al retro,¬† il distintivo √® in buone condizioni generali, con naturali segni del tempo e d’uso. Senza marchio del produttore.¬† Misure approssimative mm. 20 diametro , mm. 26 fino alla corona

(Scorri la pagina in basso per ulteriori dettagli e informazioni)

 

 

Esaurito

Garanzia di un pagamento sicuro

Descrizione

Distintivo con spilla, per la REGIA CORVETTA GAZZELLA” , classe GABBIANO, serie ANTILOPE.

Il distintivo in metallo dorato, con smalti policromi, presenta la classica struttura circolare sagomata, con uno squalo a fauci spalancate (simbolo ANTISOM), ed un tridente pronto a colpire . Nella circonferenza esterna del distintivo su sfondo di smalto blu, la dicitura R¬†CORVETTA GAZZELLA , con R abbreviazione di Regia.. A sormontare il tutto la corona reale sabauda, con smalto rosso centrale. Completo di spilla al retro,¬† il distintivo √® in buone condizioni generali, smalti della dicitura Regia Corvetta Gazzella integri, il tutto con lievi e naturali segni del tempo e d’uso.

 

MATERIALE     :  Metallo , dorato, smaltato

MISURE             :  mm. 20 diametro , mm. 26 fino alla corona

MARCHIO¬† ¬† ¬† ¬† ¬†:¬† –

 

NOTIZIE

Regia Corvetta Gazzella, unit√† della classe Gabbiano, serie Antilope, costruita nei cantieri OTO di Livorno.¬†Consegnata nel febbraio 1943 e assegnata alla I Squadriglia Corvette, raggiunse La Spezia per l‚Äôaddestramento iniziale. Qui, il 19 aprile, venne lievemente danneggiata da un bombardamento aereo e, dopo le riparazioni venne assegnata alla II Squadriglia Corvette con base a La Maddalena svolgendo scorte a convogli costieri e rastrelli antisom (come da iconografia dello squalo nel distintivo della regia corvetta gazzella). L‚Äô11 aprile 1943 scort√≤ il rimorchiatore Salvatore I¬†destinato a rimorchiare da La Maddalena a La Spezia l‚Äôincrociatore¬†Gorizia¬†danneggiato. Durante questa missione entr√≤ in collisione con la torpediniera¬†Dezza¬†ricevendo danni lievi. Il 5 agosto 1943, mentre era in navigazione con la gemella¬†Minerva¬†a Nord dell’Asinara, urt√≤ una mina e affond√≤ in un minuto. Prima dell‚Äôaffondamento aveva effettuato 63 missioni (di cui 20 rastrelli antisom e 16 scorte a convogli).

Le corvette della classe Gabbiano furono costruite in circa sessanta unità durante il secondo conflitto mondiale quando fu necessario scortare numerosi convogli verso la Libia, e per caccia dei sommergibili nemici.

La loro costruzione venne commissionata dalla¬†Regia Marina¬†a vari cantieri nazionali: all’Ansaldo¬†nei cantieri di¬†Voltri¬†(Cerusa) e¬†Sestri Ponente, alla¬†Navalmeccanica¬†di¬†Castellammare di Stabia, ai¬†Cantieri Riuniti dell’Adriatico¬†(C.R.D.A.) negli stabilimenti di¬†Monfalcone¬†e¬†Trieste, alla¬†O.T.O.¬†nel¬†cantiere navale di Livorno¬†e alla¬†Breda¬†nel¬†cantiere di Marghera. Navi molto versatili, Queste unit√† dotate di¬†ecogoniometro¬†e di un potente armamento si rivelarono le migliori e le pi√Ļ moderne tra le navi antisommergibili della¬†Regia Marina.

Lo scafo venne costruito in acciaio tipo Thomas non calmato, meno pregiato rispetto al Martin-Siemens di norma in uso per le unità della Regia Marina. Dotate di una prua a sperone, lo scafo aveva un castello di prora molto alto e sovrastrutture in posizione arretrata.

La propulsione, oltre ai¬†motori diesel¬†per la marcia normale, prevedeva due motori elettrici per la marcia silenziosa per consentire alle unit√†, durante la caccia ai¬†sommergibili, di eseguire la ricerca nella quasi totale assenza di vibrazioni e di sorgenti rumorose rendendo cos√¨ pi√Ļ facile avvicinarsi all’obbiettivo senza essere scoperti. I motori diesel Fiat M 407 vennero costruiti nel¬†1942 dalla¬†FIAT¬†Grandi Motori. I motori Fiat M 407 delle unit√† realizzate a¬†Monfalcone¬†e¬†Trieste¬†vennero costruiti dalla¬†Fabbrica Macchine “Sant’Andrea” di Trieste¬†mentre alcune unit√† furono equipaggiate con motori Fiat M 407 costruiti dall’Ansaldo¬†(navi costruite dall’Ansaldo tranne¬†Gabbiano, Procellaria, Folaga, Ibis, Ardea¬†e navi costruite dalla Navalmeccanica tranne¬†Ape, Vespa, Lucciola, Grillo).

Il distintivo ottico d’identificazione nella Regia Corvetta Gazzella e nelle altre della stessa classe, differiva rispetto a quello adottato da cacciatorpediniere, torpediniere ed avvisi, perch√© era costituito da un numero progressivo a partire da 11 fino a 70, preceduto dalla lettera ‚ÄúC‚ÄĚ e questo metodo era ritenuto pi√Ļ idoneo e pi√Ļ facile da adottare per un numero cos√¨ consistente di unit√†.

Tutte le corvette completate, entrarono in servizio mimetizzate con colori standard grigio cenerino e grigio piombo. L‚Äôunica corvetta ad adottare anche il bianco opaco fu l‚ÄôArtemide¬†entrata in servizio il 10 ottobre 1942, anche se gi√† dall’estate, sulle altri navi, esso era in via di soppressione. Gli schemi mimetici di norma erano differenti da unit√† a unit√†. Sulle corvette catturate dai tedeschi vennero applicate colorazioni diverse. Sulla¬†UJ¬†2221¬†(ex¬†Vespa) per un certo periodo di tempo venne mantenuto l‚Äôoriginale schema mimetico italiano, in seguito sembra sia stato applicato un nuovo schema mimetico e ancora successivamente sembra sia stata colorata con un tono uniforme di grigio.

Unità

Le unità vennero ordinate in 2 serie: la prima serie comprendente le navi da C 11 a C 50 e la seconda serie da C 51 a C 70. Possiamo però dividerle per cantiere di costruzione, perché per ogni cantiere, si adottarono famiglie di nomi diverse:

  • Cantieri ANSALDO (nomi di uccelli marini):¬†Gabbiano, Ardea, Cicogna, Cormorano, Folaga, Gru, Ibis, Marangone, Pellicano, Procellaria, Strolaga, Tuffetto.
  • Cantiere NAVALMECCANICA (nomi di insetti):¬†Ape, Calabrone, Cavalletta, Cicala, Cocciniglia, Crisalide, Farfalla, Grillo, Libellula, Lucciola, Maggiolino, Vespa.
  • Cantiere O.T.O. (nomi di quadrupedi di montagna):¬†Antilope, Alce, Camoscio, Capriolo, Cervo, Daino, Gazzella, Renna, Stambecco.
  • Cantieri C.R.D.A. (nomi di divinit√† romane):¬†Artemide, Berenice, Chimera, Danaide, Driade, Egeria, Euridice, Euterpe, Fenice, Flora, Melpomene, Minerva, Persefone, Pomona, Sfinge, Sibilla, Tersicore, Urania.
  • Cantiere BREDA (nomi di armi antiche):¬†Scimitarra, Baionetta, Bombarda, Carabina, Clava, Colubrina, Scure, Spingarda, Zagaglia.

Delle 60 unità ordinate, solo 29 di esse furono consegnate alla Regia Marina prima dell’8 settembre 1943. Di queste, 3 furono perdute per cause di guerra prima dell’Armistizio mentre 4 furono catturate dai Tedeschi, 1 affondata sempre dai Tedeschi e 2 si autoaffondarono per evitare la cattura. Le 19 superstiti servirono sotto la nuova bandiera della Marina Militare ancora per molti anni dopo la fine della guerra (sottoposte a numerosi ammodernamenti), insieme ad altre 2 completate dopo il 1945 (Crisalide e Farfalla) e ad 1 recuperata (Bombarda) dal fondo a Venezia.

Delle corvette che non entrarono in servizio con la Regia Marina, la quasi totalità venne catturata dalle forze Tedesche nei giorni successivi i fatti armistiziali. Alcune vennero autoaffondate o distrutte dopo poco tempo (quelle catturate in allestimento o costruzione a Castellammare di Stabia), mentre per altre ne venne proseguita la costruzione e molte entrarono in servizio sotto bandiera Tedesca. Per sei delle unità catturate dai tedeschi non fu possibile portare a termine la loro costruzione. Delle unità entrate in servizio con la Kriegsmarine, alcune vennero affondate in scontri navali o in porto in seguito ad attacchi aerei alleati, altre vennero autoaffondate alla fine della guerra dagli stessi tedeschi in ritirata.

 
Dist.OtticoNomeImp.neVaroConsegnaCantiereNote
Prima serie
C 11Gabbiano14/01/4223/06/4203/10/42Cerusa-VoltriPoi GB, poi F 571, radiata il 01/11/71
C 12Procellaria14/01/4204/09/4229/11/42Cerusa-VoltriAffondata il 31/01/43
C 13Cormorano14/01/4217/11/4206/03/43Cerusa-VoltriPoi CO, poi F 575. Radiata il 01/11/71
C 14Pellicano15/09/4220/02/4315/05/43Cerusa-VoltriPoi PO, poi F 574. Radiata il 01/07/69
C 15Cicogna15/06/4212/10/4211/01/43Ansaldo-Sestri P.Affondata il 24/07/43
C 16Folaga15/06/4213/11/4216/02/43Ansaldo-Sestri P.Poi FO, poi F 576. Radiata il 01/08/65
C 17Ibis18/06/4212/12/4203/04/43Ansaldo-Sestri P.Poi IB, poi F 561. Radiata il 01/07/71
C 18Gru06/07/4223/12/4229/04/43Ansaldo-Sestri P.Poi GU, poi F 566. Radiata il 01/08/71
C 19Antilope20/01/4209/05/4211/11/42O.T.O.-LivornoAbbandonata sullo scalo di alaggio il 09/09/43 ed in seguito demolita
C 20Gazzella20/01/4209/05/4206/02/43O.T.O.-LivornoAffondata il 05/08/43
C 21Camoscio20/01/4209/05/4218/04/43O.T.O.-LivornoCatturata in bacino il 09/09/43, rinominata UJ 6082 e affondata in combattimento il 15/08/44
C 22Capriolo03/06/4205/12/42O.T.O.-LivornoCatturata il 09/09/43 e rinominata UJ 6081, affondata in combattimento il 17/08/44
C 23Alce27/05/4205/12/42O.T.O.-LivornoCatturata il 09/09/43 e rinominata UJ 6084, affondata per mina il 15/08/44
C 24Renna31/05/4205/12/42O.T.O.-LivornoCatturata il 09/09/43 e rinominata UJ 6083 e poi UJ 2230, affondata il 04/09/44 per bombardamento aereo
C 25Ape04/05/4222/11/4215/05/43Navalmeccanica-C.S.StabiaPoi AP, poi F 567. Radiata il 31/07/81
C 26Vespa04/05/4222/11/4202/09/43Navalmeccanica-C.S.StabiaCatturata il 11/09/43 e rinominata UJ 2221, autoaffondata il 24/04/45
C 27Lucciola22/06/4221/03/43Navalmeccanica-C.S.StabiaAutoaffondata incompleta il 17/09/43
C 28Grillo22/06/4221/03/43Navalmeccanica-C.S.StabiaAutoaffondata incompleta il 17/09/43
C 29Cicala30/09/4227/06/43Navalmeccanica-C.S.StabiaAutoaffondata incompleta il 17/09/43
C 30Calabrone01/10/4127/06/43Navalmeccanica-C.S.StabiaAutoaffondata incompleta il 17/09/43
C 31Cavalletta03/12/42Navalmeccanica-C.S.StabiaSabotata sullo scalo il 17/09/43
C 32Libellula03/12/42Navalmeccanica-C.S.StabiaSabotata sullo scalo il 17/09/43
C 33Scimitarra24/02/4216/09/4210/05/43Breda-MargheraPoi SC, poi F 564. Radiata il 01/06/71
C 34Baionetta24/02/4205/10/4228/07/43Breda-MargheraPoi BA, poi F 578. Radiata il 01/10/71
C 35Colubrina14/03/4207/12/42Breda-MargheraCatturata il 09/09/43 e rinominata UJ 205, affondata il 28/03/44 per attacco aereo
C 36Spingarda14/03/4222/05/43Breda-MargheraCatturata il 09/09/43 e rinominata UJ 208, affondata il 01/11/44 in combattimento
C 37Carabina28/09/4231/08/43Breda-MargheraCatturata il 09/09/43 e rinominata UJ 207, affondata incompleta nel Febbraio 1944 per bombardamento aereo
C 38Bombarda21/08/4210/02/44Breda-MargheraCatturata il 09/09/43 e rinominata UJ 206, autoaffondata il 26/04/45. Recuperata per la Marina Militare. Poi BD, poi F 549. Radiata 01/11/78
C 39Artemide09/03/4210/08/4210/10/42C.R.D.A.-MonfalconeCatturata il 09/09/43 e rinominata UJ 2226, autoaffondata il 24/04/45
C 40Persefone09/03/4221/09/4228/11/42C.R.D.A.-MonfalconeAutoaffondata il 09/09/43, recuperata e rinominata UJ 2227, autoaffondata il 24/04/45
C 41Euterpe02/04/4222/10/4220/01/43C.R.D.A.-MonfalconeAutoaffondata il 09/09/43, recuperata e rinominata UJ 2228, autoaffondata il 24/04/45
C 42Minerva03/04/4205/11/4225/02/43C.R.D.A.-MonfalconePoi MI, poi F 562. Radiata il 01/07/69
C 43Driade09/05/4207/10/4214/01/43C.R.D.A.-TriestePoi DR, poi F 568. Radiata il 01/07/66
C 44Danaide09/05/4221/10/4227/02/43C.R.D.A.-TriestePoi DA, poi F 563. Radiata il 01/01/68
C 45Pomona16/05/4218/11/4204/04/43C.R.D.A.-TriestePoi PO, poi F 573. Radiata il 01/06/65
C 46Flora16/05/4201/12/4225/04/43C.R.D.A.-TriestePoi FL, poi F 572. Radiata il 01/01/70
C 47Sfinge20/06/4209/01/4312/05/43C.R.D.A.-TriestePoi SF, poi F 579. Radiata il 15/06/77
C 48Chimera20/06/4230/01/4326/05/43C.R.D.A.-TriestePoi CH, poi F 569. Radiata il 31/10/78
C 49Sibilla26/06/4210/03/4305/06/43C.R.D.A.-TriestePoi SB, poi F 565. Radiata il 01/02/73
C 50Fenice27/06/4210/03/4315/06/43C.R.D.A.-TriestePoi FE, poi F 577. Radiata il 01/10/65
Seconda serie
C 51Tuffetto15/03/4325/08/43Ansaldo-Sestri P.Catturata il 09/09/43 e rinominata UJ 2222, autoaffondata il 24/04/45
C 52Marangone15/03/4316/09/43Ansaldo-Sestri P.Catturata il 09/09/43 e rinominata UJ 2223, affondata il 24/05/44 da PT boats
C 53Strolaga15/03/4330/10/43Ansaldo-Sestri P.Catturata il 09/09/43 e rinominata UJ 2224, affondata il 08/09/44 dopo bombardamento aereo
C 54Ardea15/03/4308/01/44Ansaldo-Sestri P.Catturata il 09/09/43 e rinominata UJ 2225, autoaffondata il 24/04/45
C 55Daino01/03/43/44O.T.O.-LivornoCatturata il 09/09/43 e rinominata UJ 6087. Autoaffondata incompleta il 11/07/44
C 56Cervo25/03/43/44O.T.O.-LivornoCatturata il 09/09/43 e rinominata UJ 6086. Autoaffondata incompleta il 24/04/45
C 57Stambecco04/03/43O.T.O.-LivornoCatturata il 09/09/43 e rinominata UJ 6088. Abbandonata sullo scalo il 11/07/44
C 58Crisalide22/04/4308/12/4725/09/52Navalmeccanica-C.S.StabiaPoi CR, poi F 547. Radiata il 01/12/72
C 59Farfalla21/04/4304/01/4810/02/53Navalmeccanica-C.S.StabiaPoi F 548. Radiata il 31/12/71
C 60Maggiolinomai impostataNavalmeccanica-C.S.Stabia / C.R.D.A.-Trieste
C 61Coccinigliamai impostataNavalmeccanica-C.S.Stabia / C.R.D.A.-Trieste
C 62Scure20/10/42Breda-MargheraCatturata il 11/09/43 e rinominata UJ 209. Danneggiata incompleta il 01/05/44 e demolita
C 63Clava20/10/42Breda-MargheraCatturata il 11/09/43 e rinominata UJ 210. Abbandonata incompleta il 01/05/45
C 64Zagaglia01/02/43Breda-MargheraCatturata il 11/09/43 e rinominata UJ 211. Sabotata incompleta il 01/05/45
C 65Urania01/10/4221/04/4307/08/43C.R.D.A.-MonfalconeRadiata il 01/07/71
C 66Berenice01/10/4220/05/4301/09/43C.R.D.A.-MonfalconeAffondata il 09/09/43
C 67Egeria15/02/4303/07/43C.R.D.A.-MonfalconeCatturata il 11/09/43 e rinominata UJ 201. Affondata in combattimento il 29/02/44
C 68Melpomene25/03/4329/08/43C.R.D.A.-MonfalconeCatturata il 11/09/43 e rinominata UJ 202. Affondata in combattimento il 01/11/44
C 69Tersicore15/04/4316/10/43C.R.D.A.-MonfalconeCatturata il 11/09/43 e rinominata UJ 203. Gravemente danneggiata incompleta il 20/04/44
C 70Euridice01/07/4312/03/44C.R.D.A.-MonfalconeCatturata il 11/09/43 e rinominata UJ 204. Affondata incompleta il 28/05/44

 

Fonti Wikipedia 

9.19

Informazioni aggiuntive

Peso,5 kg
Dimensioni20 × 20 × 20 cm

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “‚ĚĆūüôĀRegia Corvetta GAZZELLA distintivo Regia Marina”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *