Spedizione in Italia sempre gratuita
  • Acquista
  • Vendi
  • Blog
  • About Thefinitive
  • Articoli Venduti

‚ĚĆūüôĀMalta SMOM Berretto ospedale – Capitano Corpo Militare 1940

1,00

Berretto da capitano del Corpo Militare dell’Ordine di Malta , SMOM , per servizi di sussistenza medica, treni e navi ospedale, Ospedali in zone di guerra , Seconda Guerra Mondiale, 1940 – 1945. ¬†Berretto grigio verde, con visiera nera, ¬†fregio regolamentare con Aquila avente al petto la Croce di Malta su sfondo rosso. Fabbricato da ARTURO MORONI – Milano . In condizioni ottime.¬† Taglia circa 59.

(Scorri la pagina in basso per ulteriori dettagli e informazioni)

Esaurito

Garanzia di un pagamento sicuro

Descrizione

Berretto da capitano del Corpo Militare dell’Ordine di Malta , SMOM , per servizi di sussistenza medica, nei treni e navi ospedale, Ospedali allestiti in zone di guerra nel periodo della Seconda Guerra Mondiale, 1940 – 1945. ¬†Berretto in stoffa sartoriale grigio verde, con visiera nera, ¬†fregio regolamentare,¬† raffigura un’ aquila ricamata in canutiglia dorata , ad ali aperte, poggiante su scettro longitudinale alla base , con due lance incrociate alle sue spalle , ed in petto un ovale con croce maltese su sfondo rosso. Misure del fregio mm.110 x 90¬†.

Sul tamburo del berretto, troviamo la fascia a tre galloni dorati , per grado di Capitano. Completa il berretto la presenza di due bottoncini in metallo dorato con il simbolo del corpo di sussistenza del Regio Esercito.

All’interno troviamo il marchio del fabbricante, sia sul rombo al piatto che sull’alluda in cuoio, con il nome¬† ARTURO MORONI – Via S.Clemente angolo Via Adua – Milano .

In condizioni ottime, esternamente non vi sono danni o difetti notevoli da segnalare.

 

MATERIALE       :  berretto in stoffa con visiera rigida

MISURE             :  taglia circa 59

PRODUTTORE   :   Arturo Moroni , Milano

 

 

NOTIZIE

Il¬†Corpo speciale volontario ausiliario dell’Esercito Italiano dell’Associazione dei cavalieri italiani del Sovrano militare Ordine di Malta¬†(anche¬†Corpo Militare EI-SMOM), √® un corpo volontario ausiliario, ora dell’Esercito Italiano , per l’assistenza sanitaria ed umanitaria.

Storia

Erede e discendente delle¬†forze armate dell’Ordine di Malta¬†(la¬†Marina¬†dell’Ordine con il¬†Battaglione¬†dei¬†Vascelli¬†ed il Battaglione delle¬†Galere, la Guardia del¬†Gran Maestro, il Reggimento di Malta (fanteria), il Reggimento del¬†Falconiere¬†(cacciatori), il Reggimento di¬†Cavalleria¬†e¬†la Compagnia¬†dei¬†Bombardieri) il¬†Corpo militare¬†venne fondato il 19 gennaio¬†1877¬†dall’Associazione dei cavalieri italiani del Sovrano militare Ordine di Malta, con lo scopo istituzionale di supporto e sostegno sanitario all’allora¬†Regio Esercito, sia in tempo di guerra che di pace. Con circolare n. 156 del¬†Giornale militare ufficiale¬†del 9 aprile¬†1909, per disposizione di¬†re Vittorio Emanuele III, divent√≤ un corpo speciale ausiliario del Regio Esercito Italiano e adott√≤ l’uniforme grigioverde e le¬†stellette.

Personale del Corpo Militare dello SMOM, riconoscibile dal bracciale sanitario internazionale con la croce rossa e la croce di Malta, in posa sul ponte della nave ospedale¬† Regina Margherita, il berretto di tipo primi ‘900

 

In oltre 130 anni di servizio, il Corpo ha concorso nel fronteggiare numerose emergenze sia in¬†Italia¬†che all’estero. Dal terremoto nel novarese del¬†1880¬†a quello¬†Calabro-Siculo¬†del¬†1908¬†e della Marsica nel¬†1915. In particolare, il tempestivo e massiccio intervento a Messina con una¬†baracca-ospedale¬†e due¬†treni ospedale¬†valse al Corpo il riconoscimento dello status militare.

√ą stato impegnato in tutti i conflitti: nella¬†guerra italo-turca¬†(1911-1912) al Corpo venne assegnata la¬†Regia Nave¬†Ospedale¬†Regina Margherita, che effettu√≤ sette traversate tra¬†Napoli¬†e la¬†Libia¬†rimpatriando 1.162 feriti e malati. Mobilitato per la¬†Prima guerra mondiale¬†(1914-1918), oper√≤ con otto posti di soccorso al fronte, un ospedale da campo, un ospedale territoriale a Roma e quattro treni ospedale che trasportarono 448.000 infermi percorrendo 560.000¬†km. A testimonianza dell’abnegazione dei suoi uomini, oltre alle onorificenze e ad un encomio dello stesso generale¬†Diaz, il 23 ottobre 1921 venne concesso al Corpo l’uso di un labaro di modello analogo a quello stabilito per il Corpo sanitario del Regio Esercito (regio decreto 23 ottobre 1921, n. 1418).

Picchetto di militari del Corpo Militare SMOM presso un ospedale, negli anni venti, elmetto con croce di Malta,nessun berretto … purtroppo!
Venti anni dopo, allo scoppio del¬†secondo conflitto mondiale¬†(1940-1945) vide il Corpo impegnato su numerosi fronti, in primis nella¬†campagna italiana di Russia, ma anche in Albania, Croazia e Francia dove furono schierati tre moderni treni ospedale e numerosi ospedali da campo. In Patria, al fianco del¬†Corpo delle infermiere volontarie dell’ACISMOM¬†istituito nel 1940 e costituito da una direttrice e 40 infermiere, dame dell’Ordine, furono attrezzati due grandi ospedali territoriali a Roma e Napoli e sette posti di soccorso durante i bombardamenti. I militari del Corpo seguirono quindi fino alla fine il destino delle armi italiane: molti ufficiali, sottufficiali e soldati del Corpo caddero sotto i bombardamenti aerei e i tiri d’artiglieria, alcuni vennero fatti prigionieri e condotti nei campi di concentramento in Germania, altri morirono per malattia contratta sui treni o nei posti di soccorso. Al termine della guerra inizi√≤ l’attivit√† di ricovero e cura dei reduci della prigionia. Per questa esigenza vennero allestiti 18 ospedali territoriali con la disponibilit√† complessiva di 5.485 posti letto, che resteranno in funzione fino al 1961.

In conseguenza delle clausole sugli armamenti contenute nel¬†Trattato di pace firmato a Parigi¬†il 10 febbraio¬†1947, l’Aeronautica Militare¬†cedette al Corpo 39 aerei¬†Savoia-Marchetti SM.82, che volarono cos√¨ con le insegne dell’ordine in numerosi interventi di emergenza. Nel dopoguerra il Corpo si √® distinto nelle numerose emergenze a carattere umanitario, quali il¬†terremoto di Agadir¬†in¬†Marocco¬†(1960), il terremoto a¬†Tuscania¬†(1971), in terremoto in¬†Friuli(1976), l’alluvione nel¬†Polesine¬†(1976), i terremoti in Irpinia e Basilicata (1980), in¬†Umbria e¬†Marche¬†(1997), in¬†Molise¬†e¬†Puglia¬†(2002),¬†in Abruzzo¬†(2009), e in missioni di¬†peacekeeping¬†di¬†Albania¬†(1999) e¬†Kossovo¬†(2005). Dal¬†1991, il Corpo militare EI-ACIMOM, partecipa alle attivit√† di mantenimento della pace nei territori della ex-Jugoslavia.

In riconoscimento dei meriti acquisiti in guerra ed in pace, il presidente della repubblica Carlo Azeglio Ciampi ha concesso al Corpo la bandiera di guerra con Legge 2 agosto 1999, n. 276.

Comandanti del corpo

 

  • S.E.¬†il principe Mario Chigi Albani della Rovere,¬†1877-1890;
  • colonnello Carlo Antici¬†Mattei,¬†1893-1902¬†e poi¬†1915;
  • colonnello Antonio Sarvognan di Brazz√†,¬†1902-1914;
  • S.E. il principe¬†Ludovico Chigi Albani della Rovere,¬†1914-1915;
  • colonnello Luigi Cusani Confalonieri,¬†1915-1922;
  • colonnello Emilio Gritti Morlacchi,¬†1922-1937;
  • colonnello Giuseppe Trionfi,¬†1938-1944;
  • S.E.¬†generale c.a.¬†conte¬†Carlo Nasalli Rocca di Corneliano,¬†1944-1980;
  • S.E. generale c.a. Giangiorgio Barbasetti di Prun,¬†1980-1992;
  • colonnello Giovanni Maria Uggias (f. f.),¬†1992-1995;
  • S.E. generale c.a.¬†Mario Prato di Pamparato,¬†1995¬†–¬†2010;
  • colonnello Mario Fine (f. f.),¬†2010-2017
  • generale direttore capo del personale Mario Fine,¬†2017

 

Fonti Wikipedia

 

9.19

Informazioni aggiuntive

Peso1 kg
Dimensioni35 × 35 × 35 cm

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “‚ĚĆūüôĀMalta SMOM Berretto ospedale – Capitano Corpo Militare 1940”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *