Spedizione in Italia sempre gratuita
  • Acquista
  • Vendi
  • Blog
  • About Thefinitive
  • Articoli Venduti

‚ĚĆūüôĀGovernatorato Roma PNF fascista Berretto per Consultore

1,00

Berretto da CONSULTORE del GOVERNATORATO di Roma , organo del Partito Nazionale Fascista. Alto incarico politico per gerarca. Ordinamento del 1938 – 1943. Berretto in stoffa sartoriale nera , con visiera nera, ¬†fregio regolamentare a raffigurare un’aquila ad ali spiegate che tiene tra gli artigli lo scudo con i colori del comune di Roma, poggiante su un fascio littorio longitudinale alla base, con scure centrale verso il basso, tutto circondato da una corona di foglie di alloro, su sottopanno di colore rosso/bordeaux.

Ottime condizioni, con tracce di vissuto, alluda con lievi usure e strappo, tutto come illustrato dalle numerose foto allegate.

Taglia circa 58.

(Scorri la pagina in basso per ulteriori dettagli e informazioni)

Esaurito

Garanzia di un pagamento sicuro

Descrizione

Berretto da alto dirigente del GOVERNATORATO di Roma , organo del Partito Nazionale Fascista , PNF . Alto incarico politico per gerarca. Ordinamento del 1938 – 1943. Berretto in stoffa sartoriale nera , con visiera nera, ¬†fregio regolamentare a raffigurare un’aquila ad ali spiegate che tiene tra gli artigli lo scudo con i colori del comune di Roma, poggiante su un fascio littorio longitudinale alla base, con scure centrale verso il basso, tutto circondato da una corona di foglie di alloro, su sottopanno di colore rosso/bordeaux.

Questa tipologia di fregio, veniva usata sui berretti dei CONSULTORI, quei funzionari dipendenti gerarchicamente dal Governatore, mentre quest’ultimo aveva un berretto classico da Gerarca del Partito Nazionale Fascista, corrispondente al Membro della Camera dei Fasci e Corporazioni con profilature dorate sul tamburo, ed aquila del PNF dorata.

                     

In foto il governatore di Roma in uniforme della Milizia, ed alla sua sinistra un CONSULTORE con berretto come questo in vendita.

Sul tamburo del berretto, è montata una fascia in cotone nero, ricamata in maniera alternata con uno e due fasci littori incorniciati in un serto di alloro. Completano il berretto i due bottoncini in metallo con fascio littorio in rilievo, ed il soggolo dorato intrecciato, in filo di canutiglia, proprio di questo incarico date le sue peculiarità.

Questo berretto per funzionario CONSULTORE del governatorato fascista di Roma, PNF, è in condizioni ottime, con alcune tracce di vissuto, alluda con lievi usure e strappo, tutto come illustrato dalle numerose foto allegate.

 

MATERIALE       :  berretto in stoffa con visiera rigida

MISURE             :  taglia circa 59

PRODUTTORE¬† ¬†:¬† –

 

 

NOTIZIE

Storia

Il¬†Gran consiglio del fascismo, il 17 marzo¬†1923¬†approvava un progetto di riordinamento della capitale italiana che prevedeva l’istituzione di “un organo di carattere statale con scopi e funzioni municipali”.

La definitiva trasformazione del¬†comune di Roma¬†in¬†governatorato¬†(questa la denominazione scelta) avvenne con il¬†regio decreto-legge¬†n. 1949 del 28 ottobre¬†1925, cui segu√¨ il disegno di legge di conversione del successivo 21 novembre. Il governatorato entr√≤ in funzione il 1¬ļ gennaio¬†1926¬†ed era alle dirette dipendenze del capo del governo. Il governatore, scelto tra i funzionari dello Stato, era nominato con¬†decreto reale¬†su proposta del¬†ministro dell’Interno, previa deliberazione del¬†Consiglio dei ministri¬†e dotato di¬†personalit√† giuridica¬†(il¬†Governatorato di Roma), al quale era affidata l’amministrazione¬†cittadina della¬†capitale.

Al governatore, oltre a tutti i poteri spettanti negli altri comuni al podestà, potevano essere deferite, tramite decreto reale su proposta del ministro dell’Interno di concerto con quello delle finanze e sentito il Consiglio di Stato, talune funzioni che, svolte nella sua circoscrizione, rientravano nelle competenze dell’amministrazione dello Stato o della provincia. Il primo governatore, Filippo Cremonesi, già sindaco e commissario straordinario del Comune di Roma, si insediò il 1 gennaio 1926. La legge 6 dicembre 1928 n. 2702 diede al Governatorato l’organizzazione definitiva.

Ebbe una propria rivista ufficiale, Capitolium.

Il governatorato fu soppresso con il decreto legislativo luogotenenziale n. 426 del 17 novembre 1944 e cessò di esistere il 20 gennaio 1945, quando fu sostituito dal ripristinato comune di Roma.

Organi

Il governatorato di Roma era composto da:

  • governatore
  • due vicegovernatori (uno dal 1928)
  • dieci rettori (soppressi nel 1928)
  • ottanta consultori (facenti parte della Consulta di Roma – mai convocata), dodici dal 1928
  • il magistrato di Roma (soppresso nel 1928)

Governatori

N¬ļNomeMandatoPartitoCarica
InizioFine
Governatori (1925-1944)
1Filippo Cremonesi1 gennaio 19269 dicembre 1926Partito Nazionale FascistaGovernatore
2Ludovico Spada Veralli Potenziani9 dicembre 192613 settembre 1928Partito Nazionale FascistaGovernatore
3Francesco Boncompagni Ludovisi13 settembre 192823 gennaio 1935Partito Nazionale FascistaGovernatore
4Giuseppe Bottai23 gennaio 193515 novembre 1936Partito Nazionale FascistaGovernatore
5Piero Colonna15 novembre 193624 agosto 1939Partito Nazionale FascistaGovernatore
6Giangiacomo Borghese30 agosto 193921 agosto 1943Partito Nazionale FascistaGovernatore
7Riccardo Motta21 agosto 19435 gennaio 1944Commissario straordinario
8Giovanni Orgera6 gennaio 19443 giugno 1944Partito Fascista RepubblicanoGovernatore

 

 

Fonti Wikipedia   , Istituto Luce

11.19

Informazioni aggiuntive

Peso1 kg
Dimensioni35 × 35 × 35 cm

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “‚ĚĆūüôĀGovernatorato Roma PNF fascista Berretto per Consultore”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *