Spedizione in Italia sempre gratuita
  • Acquista
  • Vendi
  • Blog
  • About Thefinitive
  • Articoli Venduti

‚ĚĆūüôĀDistintivo FASCI GIOVANILI COMBATTIMENTO – FGC

1,00

Distintivo in metallo argentato e smalti dei FASCI GIOVANILI di COMBATTIMENTO , FGC

Piedino al retro con marchio del produttore PICCHIANI & BARLACCHI , Firenze

Misure approssimative mm.17 x 11. In ottime condizioni.

(Scorri la pagina in basso per ulteriori dettagli e informazioni)

 

 

Esaurito

Garanzia di un pagamento sicuro

Descrizione

Distintivo in metallo argentato e smalti dei FASCI GIOVANILI di COMBATTIMENTO , FGC , organizzazione interna al PNF  (Partito Nazionale Fascista)

Prodotto dalla PICCHIANI & BARLACCHI , Firenze, questo distintivo dei Fasci Giovanili di Combattimento √® realizzato in metallo argentato, con applicazione di smalto nero che fa da sfondo al fregio centrale tipico delle organizzazioni giovanili, composto cio√® da un fascio littorio modello 1927, con sovrapposto uno scudo recante le lettere FGC ed un gladio di tipo romano. Piedino al retro per permettere l’inserimento all’occhiello della giacca.

 

MATERIALE     :  Metallo smaltato

MISURE             :  mm.17 x 11

MARCHIO         :  Picchiani & Barlacchi

 

NOTIZIE

I¬†fasci giovanili di combattimento¬†(abbreviato¬†F.G.C.¬†oppure al plurale¬†FF.GG.CC.) furono un’organizzazione giovanile del¬†Partito Nazionale Fascista.

Origini

La prima organizzazione giovanile fascista era nata nel 1919 e all’interno dei singoli fasci: le¬†Avanguardie giovanili studentesche. Era stato poi¬†Michele Bianchi¬†a organizzare nel¬†1921, all’interno del neonato PNF, il movimento giovanile del partito, denominandola¬†Avanguardia Giovanile Fascista e confluita nel¬†1926¬†nell’Opera Nazionale Balilla.

I fasci giovanili di combattimento furono costituiti dal¬†Gran consiglio del fascismo¬†l’8 ottobre¬†1930 (dove prende corpo il nuovo simbolo come da questo distintivo dei Fasci Giovanili di Combattimento) per completare l’inquadramento formativo dei ragazzi e delle ragazze dai 18 ai 21 anni, non pi√Ļ di competenza dell’Opera Nazionale Balilla. I ragazzi (avanguardisti) e le ragazze (giovani fasciste) dovevano ogni sabato partecipare al¬†sabato fascista, continuando l’istruzione premilitare marciando in piazza o negli spazi a loro riservati dai¬†gruppi rionali fascisti.

Lo sport dei fasci giovanili

Nel¬†1927¬†il regime defin√¨ l’attivit√† sportiva quale principale strumento per la crescita mentale e fisica dei giovani. Dette perci√≤ ordine a tutte le istituzioni pubbliche (podest√†, enti sportivi provinciali fascisti e le province) di organizzare e gestire manifestazioni sportive.

A tutti coloro che si iscrivevano al partito ed ai giovani che fossero entrati nei¬†fasci giovanili, vennero garantite notevoli agevolazioni sia per l’acquisto di vestiario e materiale sportivo sia per l’iscrizione, la partecipazione e la visione delle manifestazioni sportive. Gli sconti riservati ai fasci giovanili erano normalmente tra il 20% ed il 25% delle tasse di iscrizione e partecipazione ai campionati. Questi ultimi erano loro riservati da ogni federazione sportiva, con tanto di attribuzione dei titoli di campione provinciale e regionale dei fasci giovanili.

I gruppi sportivi ebbero uno sviluppo notevole soprattutto nel calcio e nella pallacanestro, diventando il fiore all’occhiello delle federazioni provinciali fasciste, che portavano le proprie rappresentative provinciali ai “Littoriali¬†dello Sport”, clou dell’attivit√† sportiva primaverile che si svolgeva a met√† maggio. Ai Littoriali tanti ragazzi e ragazze, gi√† “promesse” in ambito provinciale, fecero esperienza per diventare in seguito veri campioni sportivi ed olimpici.

La creazione della GIL

I fasci giovanili vincolavano all’attivit√† sportiva i giovani e le giovani fasciste fino ai 21 anni, in quanto non avevano la¬†capacit√† giuridica¬†ed i finanziamenti per poter gestire i gruppi sportivi e coprire a livello assicurativo gli atleti dopo la maggiore et√†.

√ą per questo motivo che, al termine della¬†guerra d’Etiopia, i fasci giovanili e l’Opera nazionale balilla furono uniti e convogliati nella¬†G.I.L.¬†(Giovent√Ļ italiana del littorio), a cui il legislatore (1937) rese possibile trasformare le associazioni sportive giovanili in vere e proprie societ√† sportive autonome, finanziate dallo Stato oppure, avendo capacit√† giuridica, tramite sovvenzioni ed eredit√†.

Partito Nazionale Fascista

Il Partito Nazionale Fascista (P.N.F.) è stato un partito politico italiano, espressione del movimento fascista.

Nato nel¬†1921¬†dalla trasformazione in partito del movimento¬†Fasci italiani di combattimento, guid√≤ la cosiddetta¬†marcia su Roma¬†che nell’autunno del¬†1922¬†port√≤¬†Benito Mussolini¬†a divenire¬†presidente del Consiglio dei ministri.

Nel¬†1923¬†si fuse con l’Associazione Nazionalista Italiana¬†e tra la met√† e la fine degli¬†anni 1920¬†divent√≤, prima¬†de facto¬†e poi¬†de iure, il partito unico del¬†Regno d’Italia¬†fino alla caduta del regime fascista, avvenuta il 25 luglio del¬†1943.

L’organo ufficiale del partito era¬†Il Popolo d’Italia, quotidiano fondato da Mussolini nel¬†1914. L’inno era¬†Giovinezza, nella versione di¬†Salvator Gotta¬†del¬†1925, qualificato come¬†Inno trionfale del Partito Nazionale Fascista. La legge 20 giugno 1952, n. 645 (detta ¬ęlegge Scelba¬Ľ), in attuazione della¬†XII disposizione transitoria e finale della Costituzione italiana, ne vieta la ricostituzione

Il PNF fu dunque fondato a Roma¬†il 9 novembre¬†1921¬†per iniziativa di Benito Mussolini come evoluzione in partito del movimento dei Fasci Italiani di Combattimento – fondati, sempre da Mussolini, a¬†Milano, in¬†piazza San Sepolcro, il 23 marzo¬†1919. Come movimento giovanile si dot√≤ nel 1921 dell’Avanguardia Giovanile Fascista. Rispetto ai Fasci, il PNF abbandon√≤, via via che si consolidava al potere, gli ideali socialisteggianti e repubblicani per virare decisamente verso la destra dello scacchiere politico italiano.

Conquista del potere

Dopo la marcia su Roma¬†del 28 ottobre¬†1922, Mussolini, che era stato eletto parlamentare l’anno precedente insieme ad altri esponenti fascisti, fu incaricato dal re¬†Vittorio Emanuele III¬†di formare¬†un nuovo governo¬†sostenuto da una maggioranza composta anche dal¬†Partito Popolare Italiano¬†e da altri gruppi di estrazione¬†liberale. Il 15 dicembre¬†1922¬†fu costituito il¬†Gran Consiglio del Fascismo, organo supremo del Partito Nazionale Fascista, che tenne la sua prima seduta il 12 gennaio¬†1923.

Regime

Alle elezioni politiche dell’aprile 1924, il PNF si present√≤ con la¬†Lista Nazionale, in cui erano inseriti diversi esponenti della destra liberale. Ci furono violenze squadriste e fu impiegata in alcune regioni una “lista civetta”, la Lista Nazionale bis, volta a drenare ulteriori voti. Il “Listone” ottenne una netta maggioranza con il 65,2% dei voti e 376 deputati (di cui 275 del PNF). Tali risultati furono per√≤ duramente contestati dalle opposizioni, che denunciarono numerose irregolarit√†. In tale quadro, il deputato¬†Giacomo Matteotti, dopo aver denunciato brogli in parlamento, venne ucciso da estremisti fascisti. La vicenda ebbe seguito il 3 gennaio¬†1925, quando Mussolini, con un discorso alla¬†Camera dei deputati, dichiar√≤ provocatoriamente di assumersi la responsabilit√† storica di quanto accaduto, promettendo di chiarire la situazione nei giorni immediatamente seguenti. In sede giudiziaria, sia all’epoca dei fatti, sia nel¬†secondo dopoguerra, non fu mai provato alcun coinvolgimento diretto del Duce o di altri gerarchi nell’organizzazione del delitto: tesi sostenuta anche da alcuni storici e dal giornalista¬†Indro Montanelli, per i quali le responsabilit√† di Mussolini furono solo di natura morale. La crisi seguita all’omicidio di Matteotti, che era parsa far vacillare la presa di Mussolini e del fascismo, fu invece abilmente sfruttata dal duce per avviare la dittatura.

Dopo l’emanazione nel¬†1926¬†delle cosiddette¬†leggi fascistissime¬†il PNF fu l’unico partito ammesso in Italia fino al 25 luglio¬†1943, e dotandosi di un proprio¬†statuto. Il¬†Gran Consiglio del Fascismo¬†divenne organo costituzionale del Regno: “organo supremo, che coordina e integra tutte le attivit√† del regime sorto dalla¬†rivoluzione¬†dell’ottobre 1922”. Il Gran Consiglio deliberava sulla lista dei deputati da sottoporre al corpo elettorale (poi sostituiti dai¬†consiglieri nazionali¬†della¬†Camera dei Fasci e delle Corporazioni); sugli statuti, gli ordinamenti e le direttive politiche del Partito Nazionale Fascista; sulla nomina e la revoca del Segretario, dei Vicesegretari, del Segretario amministrativo e dei membri del Direttorio nazionale del Partito Nazionale Fascista. Le iscrizioni al Partito aumentarono a dismisura quando, il 29 marzo 1928, si decise che gli iscritti al PNF avrebbero avuto la precedenza nelle liste di collocamento (pi√Ļ antica era l’affiliazione, pi√Ļ si “scalavano” le graduatorie).

Quasi due anni esatti dopo, il 28 marzo¬†1930, si decret√≤ che per poter svolgere gli incarichi scolastici di alto livello (presidi e rettori) bisognava essere tesserati almeno da cinque anni. Il 3 marzo del¬†1931¬†le iscrizioni furono sospese per circa un anno; questo dato fa intuire che molte furono le adesioni al Partito Fascista dettate esclusivamente da interesse: contro di esse si mosse il segretario¬†Giovanni Giuriati, attivista anti-corruzione che, forse proprio per questa spinta “moralizzatrice”, venne destituito dal Duce dopo pochi mesi. Un ruolo educativo fu proprio dall’Istituto Fascista di Cultura, attualmente Universit√† Popolare degli studi di Milano, che fu convertita da Universit√† Popolare di Milano a Scuola Fascista, che durante tutto il periodo diede formazione e cultura fascista.

Nel 1930 furono creati i Fasci giovanili di combattimento (vedi questo distintivo dei Fasci Giovanili di Combattimento). Gli anni Trenta furono caratterizzati dalla segreteria di Achille Starace, “fedelissimo” di Mussolini e uno dei pochi gerarchi fascisti provenienti dal sud Italia, che lanci√≤ una campagna di fascistizzazione del paese fatta di cerimonie oceaniche e creazione di organizzazioni volte a inquadrare il paese e il cittadino in ogni sua manifestazione (sia pubblica sia privata). Al fine di irregimentare anche i movimenti giovanili Starace port√≤ sotto il controllo diretto del PNF sia l’Opera Nazionale Balilla (ONB) sia i Fasci Giovanili che furono sciolti e fatti confluire nella nuova Giovent√Ļ Italiana del Littorio (GIL dal quale prosegue il simbolo del distintivo dei Fasci Giovanili di Combattimento).

Il 27 maggio¬†1933¬†l’iscrizione al PNF √® dichiarata requisito fondamentale per il concorso a pubblici uffici; il 9 marzo¬†1937¬†diventa obbligatoria se si vuole accedere a un qualunque incarico pubblico e dal 3 giugno¬†1938¬†(Regio decreto n. 827) non si pu√≤ essere assunti nel personale salariato statale n√© si possono avere promozioni all’interno di questo personale se non si ha la tanto conclamata tessera: √® chiaro quindi che gli iscritti si contino a milioni ma che tra questi i “tiepidi” e i “freddi” verso il regime siano moltissimi. Nel¬†1939¬†Ettore Muti¬†avvicenda Starace alla guida del partito e tale fatto testimonia l’aumento dell’influenza di¬†Galeazzo Ciano.

A partire dal¬†1937¬†il segretario nazionale del PNF assurse a rango di¬†ministro¬†di Stato. Con lo scoppio della¬†seconda guerra mondiale¬†Mussolini tenta di militarizzare il partito ordinando il giorno di Capodanno del¬†1941¬†la mobilitazione generale di tutti i quadri del PNF. Nel periodo in cui le operazioni belliche volgono verso il peggio, in molti perdono la fiducia verso il regime fascista: anche nell’organo politico principale monta una critica, seppur latente e oscura, a cui il Duce tenta di dare una spallata nominando il ventisettenne¬†Aldo Vidussoni¬†segretario del PNF (26 dicembre¬†1941). La mossa, dettata dal fatto che i giovani sono rimasti i pi√Ļ accesi sostenitori del¬†governo, si rivela catastrofica e il 19 aprile¬†1943¬†il giovane friulano viene sostituito da¬†Carlo Scorza.

Scioglimento

Il 27 luglio 1943, in seguito alla votazione dell’ordine del giorno Grandi¬†(25 luglio), Mussolini venne arrestato dai Reali Carabinieri, decretando di fatto la fine del regime fascista. Lo scioglimento del PNF da parte del nuovo governo di¬†Pietro Badoglio¬†avvenne il 2 agosto¬†1943¬†con il regio decreto n.704, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del Regno il 5 agosto successivo.

Liberato dai tedeschi il 10 settembre, Mussolini costitu√¨ il 13 settembre il nuovo¬†Partito Fascista Repubblicano¬†(PFR) e costitu√¨ la¬†Repubblica Sociale Italiana¬†(RSI), nella parte d’Italia occupata dai tedeschi. Segretario del PFR fu nominato il 15 settembre¬†Alessandro Pavolini. A¬†Milano¬†era gi√† stato ricostituito il 13 settembre da¬†Aldo Resega, che ne fu anche il primo commissario federale. Il PFR cess√≤ la sua esistenza con la morte di Mussolini e con la fine della RSI, il 28 aprile del¬†1945

Fonti varie Wikipedia

8.20

Informazioni aggiuntive

Peso,5 kg
Dimensioni20 × 20 × 20 cm

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “‚ĚĆūüôĀDistintivo FASCI GIOVANILI COMBATTIMENTO – FGC”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *