Spedizione in Italia sempre gratuita
  • Acquista
  • Vendi
  • Blog
  • About Thefinitive
  • Articoli Venduti

‚ĚĆūüôĀ500000 Urgonmi D’Albisola futurista – Poema d’amore – 1937

1,00

” A.A.A. 500.000 Urgonmi – Poema d’amore ”¬† ,¬† Tullio d’Albisola , Milano, Giuseppe Morreale Editore (Tip. E. Zerboni), 1937, in 16¬į, brossura editoriale dell‚Äôautore con illustrazione fotografica, pp. 84. Raccolta di poesie e parolibere con prefazione di Marinetti. Bruniture in copertina, segno in diagonale sulla parte centrale destra dello sfondo rosso, esemplare comunque in pi√Ļ che buone condizioni,¬† come evidenziato dalle fotografie allegate.

(Scorri la pagina in basso per ulteriori dettagli e informazioni)

 

9.19

Esaurito

Garanzia di un pagamento sicuro

Descrizione

” A.A.A. 500000 Urgonmi – Poema d’amore ”¬† ,¬† Tullio d’Albisola , futurista , edito in Milano, Giuseppe Morreale Editore (Tip. E. Zerboni), 1937, in 16¬į, brossura editoriale dell‚Äôautore con illustrazione fotografica, pp. 84,¬† [1] c. patinata f.t. con foto ritratto bianco e nero dell‚Äôautore. Raccolta di poesie e parolibere con prefazione di Marinetti.

Bruniture in copertina, segno in diagonale sulla parte centrale destra dello sfondo rosso, a lambire il titolo 500000 Urgonmi¬† , questo esemplare del poema futurista di Tullio d’Albisola √® comunque in pi√Ļ che buone condizioni,¬† come evidenziato dalle fotografie allegate.

 

AUTORE ………………………….:¬† D’Albisola Tullio

ANNO DI PUBBLICAZIONE ……..:¬† 1937

EDITORE …………………………: Giuseppe Morreale Editore

NUMERO DI PAGINE …………….:¬† 84

LEGATURA ………………………:¬† Brossura editoriale

 

 

NOTIZIE

Tullio Mazzotti era il secondogenito di Giuseppe (1865-1944), vasaio, detto¬†Bausin, nato a Bolzino (frazione di¬†Varazze), e di Celestina Gerbino Promis. Il primogenito si chiamava Torido (1895-1988) e la sorella minore Vittoria. Nel 1903 Giuseppe Mazzotti ad¬†Albisola, in localit√† Pozzo Garitta, apr√¨ la “Fabbrica di ceramiche d‚Äôarte tradizionale e moderne Giuseppe Mazzotti“. Un forno era per le ceramiche artistiche. Torido s’iscrisse all‚ÄôIstituto di arti e mestieri di¬†Savona¬†e Tullio rimase a bottega col padre.

All’inizio della I Guerra mondiale Torido era disegnatore all‚ÄôAnsaldo¬†e Tullio and√≤ soldato, nel Genio telegrafisti. Dopo la guerra Giuseppe Mazzotti per un periodo entr√≤ in societ√† con i fratelli ceramisti Valle. Tullio fu arrestato per una rissa con fascisti, fu condannato e poi assolto.

Tullio d’Albisola (Tullio Mazzotti), per casa Giuseppe Mazzotti, Boccale policentrico Follia anti imitativa di Tullio, 1930

Nel 1925 la ditta Mazzotti inaugurò nuovi locali ad Albisola Superiore, pur mantenendo a Pozzo Garrita la produzione di ceramiche artistiche.  I fratelli Mazzotti seguirono a Faenza, nel 1929, un corso di perfezionamento in ceramica artistica e a Faenza entrarono in contatto con Gaetano Ballardini e Giuseppe Liverani. Impararono ad usare il forno elettrico. Nacque così, al loro ritorno, lo stile Albisola.

Tullio futurista

A metà degli anni Venti, Tullio aderì al futurismo e fu soprannominato Tullio d’Albisola da Filippo Tommaso Marinetti. Un gruppo di giovani artisti torinesi arrivarono ad Albisola: l’architetto bulgaro Nicolay Diulgheroff, il triestino Farfa (Vittorio Tommasini), Pippo Oriani, Mino Rosso, Alberto Sartoris e Fillia (Luigi Colombo) che eseguì disegni e modelli per la ditta Mazzotti. Albisola divenne così luogo di incontro per pittori, scultori e intellettuali legati al movimento futurista.

Nel 1925 Tullio ideò le ceramiche dinamiche dai forti e smaglianti cromatismi, con forme ispirate al futurismo: sono le prime ceramiche antidecorative, o antimitative Рcome le definirà Tullio, nel suo opuscolo La ceramica futurista (Savona, 1939).

 

Nicolay Diulgheroff per casa Giuseppe Mazzotti, vaso, 1932 c.

Nel 1927 Tullio partecip√≤ alla IV Biennale di arti decorative di Monza, inizi√≤ a collaborare con¬†Bruno Munari e esegu√¨ modelli e decori dalle forme innovative e scomposte. Nel 1928 – 1930 espone in diverse mostre, e fonda il “Gruppo Sintesi”.

Nel 1930 partecip√≤ alla Triennale di arti decorative industriali e moderne di Monza, ad “Arte futurista” ad Alessandria, alla “Mostra futurista architetto Sant‚ÄôElia” e a “Ventidue pittori futuristi”, alla galleria Pesaro di Milano. Nel 1936 Tullio present√≤ alla VI Triennale di Milano un pannello in ceramica di 40 metri quadrati, con l’allegoria Le forze fasciste¬†e partecip√≤ alla “Mostra di plastica murale” a Genova, palazzo ducale, con sculture in ceramica di¬†Lucio Fontana, da lui realizzate. All‚ÄôEsposizione internazionale di Parigi, del 1937, Tullio espose¬†Fregio delle corporazioni, un grande pannello di ceramica – m 3 x 20 – realizzato in collaborazione con Strada.

La casa-laboratorio

Nel 1932 Tullio acquist√≤ un terreno, per costruire una modernissima casa-laboratorio-negozio, su progetto di Djulgheroff, cui fu aggiunta nel 1934 una nuova ala per i laboratori. “Casa Mazzotti“, oggi sede della ditta “Ceramiche Mazzotti

Con l’editoria futurista

Nell‚Äôottobre 1932, sulla rivista “Futurismo” Tullio pubblic√≤¬†Le ceramiche futuriste di Tullio d‚ÄôAlbisola¬†e¬†Le ceramiche futuriste di Tullio d‚ÄôAlbisola.¬†Le realizzazioni futuriste in provincia di Savona¬†√® del novembre 1932;¬†Ceramiche e vetri¬†del gennaio 1933 e¬†Ceramisti d‚Äôeccezione¬†dell’aprile 1933, insieme a¬†La Santabarbara futurista. Sul mensile “Stile futurista”, di¬†Enrico Prampolini¬†e di Fillia, Tullio pubblic√≤¬†Dalle “Tre Grazie” neoclassiche alle aeroceramiche futuriste (ottobre 1934). Nel 1937 , Tullio d’Albisola pubblica AAA 500000 Urgonmi ¬†poema futurista. Pubblic√≤ poi il libro La ceramica futurista¬†(Savona, 1939).

Giovanni Prini, per casa Giuseppe Mazzotti, Primavera (rondine), maiolica dipinta, Albisola 1921

“Lito-Latta”

Nel 1932, con Marinetti ide√≤ il primo libro stampato su lamine di ferrostagno, litografato a colori. Gli editori erano “Lito-Latta” e “Edizioni futuriste di poesia”. In latta realizz√≤ poi¬†L‚Äôanguria lirica, del 1934, con presentazione di Marinetti e 12 litografie a colori, a piena pagina, di Bruno Munari. Contiene una raccolta di poesie, stampate su 42 fogli di latta, tirate in 101 esemplari, di cui 50 in commercio. Nel 1934 uscirono¬†Parole in libert√† futurista. Tattili termiche olfattive¬†di Marinetti, realizzate con 15 fogli di latta, contenenti 9 testi poetici e 12 litografie a colori a piena pagina di Tullio d’Albisola.

Scultura e ceramiche monumentali

Tullio progett√≤ sculture seriali in lega di “cromo-alluminio”, che dal 1930 furono realizzate alla fonderia Mantegazza di Varazze. Il 10 aprile 1937 firm√≤ con altri, tra cui¬†Benedetta¬†Cappa Marinetti ed Enrico Prampolini, su “La Gazzetta del popolo”, il manifesto di Marinetti¬†Poesia e arti corporative, in cui √® scritto che il ¬ęnuovo compito della poesia e delle arti nell‚ÄôItalia Imperiale Fascista figlia della Guerra Veloce [√®] quello di organizzare con proficua distribuzione d‚Äôintuiti e sforzi creativi l‚Äôidealizzazione dei singoli lavori concettuali amministrativi manuali meccanici chimici¬Ľ.

Nel 1939-40 Tullio allest√¨ a Napoli, su bozzetto di Enrico Prampolini, all‚Äôesterno della Triennale d‚ÄôOltremare, una monumentale ceramica murale. Nel 1942, a Roma, per la futura mostra “E 42” present√≤ il progetto¬†Strada d‚Äôoro, di m 1000 x 30. Dopo la morte del padre, nel 1944, i fratelli Mazzotti ripresero la produzione tradizionale, lavorando in particolare per ditte di prodotti dolciari e farmaceutici.

Filippo Tommaso Marinetti¬†in compagnia di Tullio d’Albisola

Ultimi anni

Negli anni Cinquanta i fratelli Mazzotti si avvalsero della collaborazione di artisti come Lucio Fontana – che nella veste di scultore in ceramica aveva lavorato per Mazzotti fin dal 1935 –¬†Giacomo Manz√Ļ,¬†Giuseppe Capogrossi¬†e¬†Aligi Sassu. Nel 1954 Tullio fu nominato membro aggiunto all‚ÄôAccademia internazionale della ceramica di Ginevra. Nel 1959 i fratelli si separarono: Torido divenne unico titolare della ditta “Giuseppe Mazzotti”, (G.M.A.), insieme ai suoi figli e poi ai suoi nipoti; Tullio invece fond√≤ la ditta “Vittoria Mazzotti”, con la sorella Vittoria e con la nipote Esa Baldantoni: oggi √® la ditta “Ceramiche Mazzotti”.

Negli anni Sessanta Tullio pubblic√≤ il libro di poesie¬†Amore del “gran fuoco”¬†(Milano, 1963) e i saggi¬†La ceramica popolare ligure¬†(Milano, 1964) e¬†Ceramiche omaggio a N. S. di Misericordia, per il 150 anniversario dell‚Äôincoronazione di N. S. di Misericordia¬†(Savona, 1966). Ad agosto 1965 gli fu concessa l‚Äôonorificenza di Albisola la¬†Rosa d‚Äôoro.

 

Fonti  Wikipedia 

 

 

9.19

Informazioni aggiuntive

Peso1 kg
Dimensioni40 × 40 × 20 cm

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “‚ĚĆūüôĀ500000 Urgonmi D’Albisola futurista – Poema d’amore – 1937”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *